Anagrafe online: certificati, autocertificazioni precompilate ed invio pratiche anagrafiche

https://www.anpr.interno.it/portale/web/guest/a-cittadini

 

Tutti i cittadini residenti hanno oggi a disposizione uno strumento prezioso che permette di verificare i propri dati anagrafici registrati nell' Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR): la banca dati centralizzata presso il Ministero degli Interni che raccoglie i dati di tutti i cittadini iscritti in anagrafe ed residenti nei Comuni transitati al nuovo sistema.

I possessori di

  • SPID (Sistema Pubblico di IDentificazione) o
  • CIE (Carta d'Identità Elettronica) o
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi, tipicamente la Tessera sanitaria attivata con PIN)

possono entrare nell'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente e verificare i propri dati qui registrati dall'indirizzo web: https://www.anpr.interno.it/portale/web/guest/a-cittadini,

 

I dati disponibili per la visura

Il cittadino, che dovrà risiedere in uno dei comuni già subentrati nell’Anagrafe nazionale, accederà quindi ai propri dati presenti nell’archivio, ed in particolare a:

  • Generalità: data e luogo di nascita, sesso, codice identificativo comunale e ANPR e, se presente, gli estremi dell’atto di nascita;
  • Stato civile;
  • Cittadinanza;
  • Carta identità: numero, tipo (cartacea/elettronica), validità per l’espatrio, data di scadenza, Comune di rilascio;
  • Famiglia anagrafica: codice identificativo comunale e ANPR, data di ingresso nella famiglia e relazione di parentela;
  • Residenza/Altri recapiti: per la residenza sono riportati data di decorrenza, CAP, indirizzo e numero civico.

In caso di necessità è anche possibile stampare autocertificazioni precompilate pronte da firmare e consegnare o inviare. Per accedere al servizio visitate la pagina web https://www.anpr.interno.it/portale/web/guest/a-cittadini.

In particolare, è possibile produrre autocertificazioni, anche cumulative di due o più dei seguenti dati, relative a:

  • nascita;
  • stato civile (libero o coniugato, a seconda del caso);
  • cittadinanza;
  • famiglia anagrafica;
  • residenza;
  • esistenza in vita.

Si segnala che in calce alla autocertificazione prodotta il modello predisposto dal ministero prevede l'invio anche via fax, strumento abolito dalla legge dello Stato, ed il riferimento alle leggi relativi alla privacy non aggiornato al Regolamento EU n. 679/2016, ed in particolare all’art. 13 del GDPR.

Piccoli refusi che non vanificano il grande risultato di ammodernamento del Paese e di trasparenza del dato anagrafico.

Dal 15 novembre 2021 è inoltre possibile ottenere il rilascio di certificati anagrafici (per il primo periodo, almeno fino al 31.12.2022, in esenzione da marca da bollo anche per gli usi che ne prevedrebbero l'assolvimento).

I certificati possono essere richiesti anche in forma cumulativa ovvero con più certificati in un unica stampa.

 

Dall'anno 2022 è inoltre possibile, sempre da ANPR, promuovere e inoltrare al Comune italiano interessato istanza di trasferimento anagrafico (cambio di abitazione o iscrizione anagrafica da altro Comune, o rimpatrio da AIRE).

Nel caso la variazione di indirizzo di residenza coinvolga più di una persona maggiorenne ognuna di esse dovrà confermare dalla propria scrivania ANPR il trasferimento: in pratica, dopo che la prima persona avrà inserito e inviato l'istanza di trasferimento di residenza dal proprio profilo ANPR, tutte le restanti persone maggiorenni comprese nella pratica dovranno accedere ad ANPR con la propria identità digitale (SPID oppure CIE oppure CNS) e confermare la dichiarazione di residenza che troverà già preinserita nella propria scrivania ANPR. Solo dopo che sarà stata confermata la dichiarazione da TUTTI i componenti maggiorenni ricompresi nel trasferimento la dichiarazione sarà comunicata all'ufficio anagrafe comunale interessato.